Sala 1
Gli Affreschi e le Tavole
Sala 2
Il '600, il '700 e l'800
Sala 2
Il '600, il '700 e l'800
Sala 3
L'800 abruzzese
Sala 3
L'800 abruzzese
Sala 4
Le Maioliche
Sala 7 - Collezione Paglione
Omaggio a Carlos Mensa
Sala 8 - Collezione Paglione
La Spagna
Previous
Next

Storia del Museo

Il Museo è ospitato nel piano nobile di Palazzo Martinetti Bianchi, nato come convento dei Gesuiti nel 1640. Il palazzo dopo la soppressione degli ordini religiosi del 1767, fu acquistato nel 1786 da Pietro Franchi; a questi anni (1796) risale la decorazione della volta ad opera del pittore napoletano Giacinto Diano, che ammiriamo nel salone principale, raffigurante l’Apoteosi di Psiche, caratterizzata da una pennellata corposa, l’uso sapiente dei volumi, lo splendore dei colori e l’abilità compositiva. I Franchi vendettero la proprietà ai Marchesi Martinetti Bianchi nella prima metà dell’ottocento.
Le collezioni sono il frutto di un notevole impegno, iniziato sin dal XIX sec., da parte di illustri studiosi e politici cittadini che, partendo da un nucleo originario composto da opere recuperate dopo la soppressione degli ordini religiosi, si arricchì di donazioni private e acquisti da parte degli Enti locali. L’allestimento è stato progettato seguendo un ordine cronologico.

stemmaMB

Museo Barbella

Il Museo Barbella è attualmente allestito in un ala del seicentesco Palazzo Martinetti-Bianchi. Il suo allestimento si potè realizzare grazie ad una proficua collaborazione tra il Comune e la Provincia di Chieti. Il Museo è sicuramente uno dei fiori all’occhiello dell’offerta culturale teatina e le sue collezioni, che spaziano dal quattrocento fino al novecento, sono viva testimonianza di come la città si sia sempre interessata alla conservazione del proprio patrimonio artistico, riconoscendo in esso una testimonianza importante del passato che meglio poteva aiutare a comprendere la storia cittadina. Tutto ciò che abbiamo vissuto a livello sociale ed economico, soprattutto negli ultimi anni, ci ha insegnato che la cultura è uno dei veicoli più importanti per la crescita delle comunità.

Gli Affreschi
e le Carte
Il ‘600, ’700
e ‘800
L’800 abruzzese
Le Maioliche
Le Carte
L’Arte contemporanea
L’Arte contemporanea
Maestri del
XX secolo
Omaggio ad
Aligi Sassu
Arte per Immagini
Arte per Immagini
Arte per Immagini
La Spagna
Omaggio a
Carlos Mensa
La Spagna

Collezione Paglione

Nel 2004 il Museo d’Arte Costantino Barbella si è arricchito di una nuova preziosa collezione “Arte per Immagini” grazie alla sensibilità dei coniugi Alfredo e Teresina Paglione, i quali hanno voluto destinare a Chieti 101 opere di pittura e scultura che spaziano dai grandi nomi del XX secolo, quali De Chirico, Manzù, Campigli, Guttuso, Sassu e tanti altri, per passare attraverso gli anno ’20 e gli anni ’30 fino ai contemporanei. Un grande nome campeggia nella raccolta: Aligi Sassu di cui è presente tra gli altri il famosissimo dipinto “I Ciclisti” del 1931 e a cui è dedicata una sala della . Notevole è il numero di opere di artisti spagnoli di grande fama tra cui Mirò, Ortega, Orellana con un omaggio a Carlos Mensa.